.
Annunci online

Policlinico, fiato sospeso per gli operai
post pubblicato in diario, il 6 giugno 2012


                   



Fiato sospeso per i centodue lavoratori del Policlinico di Caserta. Il nodo del riassorbimento delle maestranze non è stato ancora sciolto. Il tavolo della trattativa di ieri in prefettura tra sindaco, rappresentazione sindacali e società Condotte spa (subentrata da tempo alla Immobilgi Federici Sterling di Mario Pagano) non ha ancora prodotto i risultati sperati da questi lavoratori vale a dire il contratto di lavoro. Le parti convenute si sono date tempo ventiquattro ore per cercare di sciogliere questa matassa. La proposta del sindaco Pio Del Gaudio di impiegare le maestranze per i lavori che dovranno essere realizzati nelle aree che gravitano intorno al Policlinico è stata accolta con una certa freddezza da parte dei sindacati in particolare dal segretario provinciale della Cisl Carmine Crisci che ha fatto rilevare come non si sa ancora se saranno messi a disposizione i fondi Piu Europa per queste specifiche opere. Sta di fatto che il 30 giugno prossimo scadrà la cassa integrazione con deroga per questi centodue ex lavoratori della Immobilgi Federici Sterling. Per le prossime ventiquattro ore staremo a vedere se sarà accolta la proposta fatta dalla Cisl alla società condotte Spa di sottoscrivere un protocollo per il lavoro per garantire un futuro a questi lavoratori che sono da tempo senza occupazione. Si spera quindi in una fumata bianca che possa portare questa vertenza a buon fine. E pensare che dopo ben sette anni di odissea, sembrava essere arrivata ad una svolta la travagliata costruzione del Policlinico a Caserta, struttura d’avanguardia che dal 2004 non trova via di realizzazione, con la stipula del nuovo contratto per l’affidamento dell’appalto con un ribasso sulla base d'asta di 17 milioni di euro, da parte della Condotte d’Acqua. I lavori per la costruzione del Policlinico sono fermi: i lavoratori del cantiere da mesi picchettano il cantiere e vogliono sapere del loro futuro lavorativo.
Il 4 Febbraio del 2005 alle ore 13, ci fu la cerimonia per la posa della prima pietra in via Grazia Deledda in località Tredici, ma la giornata ebbe inizio alle ore 9,30 presso la Scuola superiore della Pubblica Amministrazione, ospitata nella Reggia. Una giornata storica per Caserta con il saluto delle autorità presenti: il sindaco Falco e l’assessore alla Sanità della Regione Campania Rosalba Tufano. Intervenne il rettore della Sun Grella, seguito dal preside della facoltà di Medicina e Chirurgia Francesco Rossi (colui il quale sarebbe diventato poi ed è l’attuale rettore). Grella, che del Policlinico di Caserta seguì il tormentato iter, non nascose la propria soddisfazione. Furono presentate anche le opere di urbanizzazione e di viabilità mentre l’architetto Massimo Pica Ciamarra operò un’ampia illustrazione del progetto. L’intera cittadella, universitaria-assistenziale-didattica, era stata progettata già nel ’96.

Il progetto

E’ un’opera importante che prevedeva 1461 giorni, e precisamente un milione e 753mila 200 ore di lavoro necessarie per completare la struttura, ovvero quattro anni: la data presunta di fine lavori era stata indicata nel 28 dicembre 2008. L’area interessata è di 250.965 metri quadri di cui più di 45mila metri quadri di superfici coperte e 205mila 162 di spazi liberi: il tutto, e circa 1900 posti auto, per un costo complessivo di 206,5 milioni di euro, finanziati per due terzi dalla Regione Campania e dal Ministero della Salute e per un terzo da quello dell’Università e della Ricerca scientifica. L’intervento include spazi per la ricerca, didattica ed assistenza. Un sistema di percorsi ottagonali lega i diversi tipi di spazi determinando un tessuto continuo su tre livelli, articolato intorno ai patii. La galleria degli studenti coincide con un tracciato della “centuriatio” romana. Il “muro d’acqua” e le configurazioni arboree sono elementi forti del ridisegno del paesaggio e proteggono dal microinquinamento ambientale. L’edificazione si organizza in tre fasce lineari parallele ad andamento Nord-Sud: ad Ovest, la fascia relativa all’assistenza, al centro, la fascia relativa alla ricerca, ad Est, quella relativa alla didattica, ricucite in direzione est-ovest da due percorsi trasversali, e fiancheggiate dalle fasce lineari dei parcheggi a servizio dell’assistenza (al limite ovest) e della didattica (al limite est); parcheggi riservati ed al coperto sono ubicati al di sotto dell’area della ricerca. A Nord, il sistema edificato si attesta su un’ampia piazza dove prospettano gli uffici amministrativi e le presidenze e, verso ovest, il piazzale di accesso al pronto Soccorso con Eliporto, mentre ad Est si conclude con l’Aula magna, definendo un sistema di piazze e luoghi di socializzazione. Verso Sud il sistema edificato si conclude con la zona degli accessi di servizio all’assistenza ed al parcheggio riservato al di sotto delle aree di ricerca. La fascia destinata alla didattica, si incentra sulla galleria studenti. Ad Ovest della “galleria della centuriatio”, su due piani, i laboratori didattici ed al terzo la Biblioteca centrale.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. "policlinico"

permalink | inviato da Malas il 6/6/2012 alle 12:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia maggio        ottobre
calendario
adv